lunedì 22 dicembre 2008

Secca smentita del sindaco in riguardo alla soppressione del servizio 118

Il sindaco di Caltavuturo, on. Domenico Giannopolo, in una intervista rilasciata alla testata on_line madonielive.com riferisce quanto segue. “La postazione del 118 da sollecitazioni e informazioni assunte personalmente e dall'Amministrazione Comunale direttamente dal Dott. Mario Re, massimo responsabile del 118 in data 02 Dicembre 2008, non è stata mai soppressa e non è nell'intenzione di sopprimerla ma si ha in atto un fermo tecnico dell'ambulanza che sarà risolto in termini brevi”.

Salvatore Sciortino

venerdì 19 dicembre 2008

Il presepe vivente

Quest’anno tra le manifestazioni natalizie di Caltavuturo, si può visitare il Presepe Vivente dal titolo "Viaggio a Betlemme" organizzato dall'associazione Gruppo Folk "Gazzara". Lo spettacolo sarà presentato a Caltavuturo il 26 e 28 Dicembre 2008 alle ore 17:00 presso il Centro Direzionale della zona artigianale.

Giuseppe Romana

giovedì 18 dicembre 2008

Per non dimenticare

Vogliamo far (ri)vedere il goal che ha consentiro l'accesso dell'Atletico Caltavuturo nel Campionato di Promozione.

video

Ricordiamo che il goal è stato realizzato da Carlo Cilfone nella partita di play-off tra l'Atletico ed il Vittoria, disputata l' 11 maggio 2008 nel campo neutro di Gravina di Catania (CT).
Giuseppe Romana

mercoledì 17 dicembre 2008

Un esempio di energia pulita: i marciapiedi piezoelettrici


Grazie a dei particolari marciapiedi dotati di un tappeto piezoelettrico, in alcuni paesi si produce energia pulita direttamente dai passi delle persone. Questa non rappresenta la prima applicazione del genere, in quanto di altre ne abbiamo viste a partire dalla discoteca di Rotterdam, alla palestra della California, senza dimenticare la metrò di Londra o i pacemaker per il cuore. Alla lista oggi aggiungiamo i marciapiedi giapponesi. Il sistema è stato installato all’esterno della stazione ferroviaria di Shibuya (Tokio) pronto per catturare tutta l’energia dei viaggiatori. Per ogni passo il sistema riesce a generare 0,5 KWh. Un sistema dalle dimensioni minime, dai costi limitati e dall’elevata efficienza. Dopo questa esperienza, già si inizia a pensare a progetti più seri e duraturi, ad sistemi per l’intera città per catturare quanta più energia possibile per alimentare sistemi illuminanti o creare strade energetiche.
Questo marciapiede rappresenta una delle idee più innovative degli ultimi anni in fatto di “energia pulita”. Addirittura questo sistema si sta sperimentando in Medioriente per applicarlo alle strade carrabili. Fino a qualche decennio fa, i bambini caltavuturesi giocavano alla “marredda”; un gioco dove ci si muoveva su una griglia a suon di salti. Applicando uno di questi tappeti, in apposite aree attrezzate e custodite, i bambini potrebbero riscoprire un “vecchio” gioco ed al tempo stesso contribuire a creare energia pulita.
Giuseppe Romana

martedì 16 dicembre 2008

Migliorie per la comunicazione e la sicurezza

Più sicurezza per i siti di interesse pubblico e maggiore efficienza del sistema informatico e di telecomunicazione. E’ il piano attuato dal Comune per contrastare, da un lato, eventuali atti di vandalismo ai danni del patrimonio pubblico e, dall’altro, per semplificare la rete di collegamento telefonico e di trasmissione dati fra i vari uffici del municipio. Dodici telecamere a circuito chiuso sorveglieranno notte e giorno tutti gli edifici comunali e il patrimonio artistico-monumentale del paese. Il loro occhio indiscreto sarà acceso sul palazzo municipale, fuori e dentro i locali del museo civico «Don Guarnieri», sui «Mannari», i plessi scolastici di piazza Cavalieri Vittorio Veneto, l’anfiteatro, il cimitero e la sede del comando dei vigili urbani. Per meglio definire le modalità di utilizzo e l’individuazione dei responsabili dei dati registrati bisognerà attendere le determinazioni del consiglio comunale. «Un’operazione necessaria – afferma il sindaco Domenico Giannopolo – dopo gli spiacevoli eventi verificatisi in paese e nelle zone rurali. Abbiamo bisogno di sempre maggiore sicurezza per vivere serenamente la quotidianità». Numerosi i furti registratisi in paese in passato. L’escalation toccò il picco lo scorso novembre, quando alcuni esercizi commerciali ed aziende agricole vennero presi di mira da ignoti malfattori. Fu allora che l’Ente locale annunciò la «operazione sicurezza». Il consiglio comunale ne discusse e stabilì di tutelare i beni di interesse pubblico e di concedere, previa adozione di un apposito regolamento, la concessione di un sostegno economico a favore di imprenditori, per un importo massimo di 1.500 euro, al fine di incentivare l’installazione di idonei sistemi di allarme. Cinque le richieste pervenute al Comune. Per tre di loro ha già provveduto ad attribuire il relativo finanziamento. L’installazione dell’innovativo sistema di sicurezza video ha coinciso anche con la realizzazione di un sistema wi-fi che consentirà agli impiegati comunali dislocati nelle diverse sedi di poter comunicare telefonicamente e connettersi ad internet senza più utilizzare il collegamento tramite cavi. «Abbiamo revocato i diversi contratti esistenti con la società telefonica attivandone soltanto uno – spiega il sindaco Giannopolo -. Così, in un anno, risparmieremo circa 15 mila euro di bollette telefoniche».

Antonello Zimbardo

lunedì 15 dicembre 2008

Solidarietà al sindaco di Campofelice di Roccella

Il sindaco di Caltavuturo Domenico Giannopolo esprime ampia solidarietà al collega di Campofelice di Roccella, Francesco Vasta, per il grave atto intimidatorio subito. “Immagino che tale vile gesto – afferma Giannopolo - si collochi nel contesto di una sfida che da anni è aperta nel territorio di Campofelice di Roccella in ordine ai tentativi diffusi di speculazione edilizia e che l’amministrazione comunale ha tentato di fermare, cercando di restituire alla pubblica fruizione parti vitali del territorio quali la zona “Ex Afem”, Torre Roccella e l’area circostante. Esorto il collega e amico Vasta – conclude Giannopolo - a continuare a garantire un governo democratico del territorio. Oggi più che mai, nella battaglia contro l’illegalità, è necessario serrare le file”.

Antonello Zimbardo

giovedì 11 dicembre 2008

Dieci nuove idee imprenditoriali per le madonie

Vogliamo riportare un interessante intervento inserito nel sito www.caffescorretto.com

La redazione

Il Parco delle Madonie e Sviluppo Italia (Sicilia) hanno indetto un concorso di idee per la creazione di nuove imprese nel territorio delle madonie, malgrado lo scetticismo di alcuni politici del territorio ed il clima di sconforto che si vive in questo momento in Italia. Dieci idee imprenditoriali sono arrivate al Parco delle Madonie a dimostrazione del dinamismo che le Madonie esprimono. Per la presentazione di queste idee imprenditoriali, giorno 17.12.2008 alle ore 10,30 nel suggestivo Castello Comunale di Castelbuono, nella piu' rappresentativa sala, quella del Principe, i funzionari di Sviluppo Italia (Sicilia) ed il Commissario del Parco delle Madonie presenteranno i vari progetti in una conferenza stampa allargata alle Associazioni di Categoria, ai Sindaci e alle Organizzazioni Sindacali del Territorio.

Mario Cicero

Sindaco di Castelbuono

L’Atletico al IV Meeting Nazionale di Tulime

Tulime è un´associazione di cooperanti nata nel 2001 dall´incontro tra Fra´ Paolo, della missione dei Frati Minori Rinnovati in Tanzania, e un gruppo di ragazzi siciliani. La scelta di chiamarla Tulime, che in Swahili è il congiuntivo esortativo del verbo coltivare, deriva dal fatto che hanno cominciato questo percorso coltivando alberi e sogni. Questi ragazzi hanno scelto di essere un´associazione "piccola e leggera" che impiega poche risorse al suo interno utilizzandone gran parte lì dove c´è bisogno. In Italia hanno creato una rete diffusa fatta di piccole realtà che consentono di mantenere questa leggerezza e al contempo di essere "appuntiti" sviluppando efficacia ed efficienza. Sabato 6 e domenica 7 Dicembre 2008, si è svolto a Polizzi Generosa, presso l´Agriturismo Santa Venera, il IV Meeting Nazionale. A questo importante appuntamento, in cui sono intervenuti in tanti provenienti da tutta Italia, l´Atletico non poteva mancare partecipando con i suoi Dirigenti e invitando anche il sindaco di Caltavuturo, on. Domenico Giannopolo. L´Atletico come Tulime, coltiva il valore dello sport come strumento di unione, tra persone vicine e lontane, così come gli abitanti del villaggio Pomerini della Tanzania adottato dall’associazione caltavuturese.

Giuseppe Romana

lunedì 1 dicembre 2008

L’Atletico riassapora la Vittoria

A Castellana, la matricola delle meraviglie ritorna ad assaporare la vittoria ed i tre punti, soprattutto a non perdere l´imbattibilità in casa regalando al pubblico caltavuturese sprazzi di bel gioco con scambi e fraseggi che il nuovo mister sta a poco a poco inculcando agli atleti. Passiamo alla cronaca della partita terminata: Atlet. Caltavuturo – Futura Brolo 1 – 0.

Nel primo tempo la matricola del Presidente Lillo Andolina viene schierata con il solito 4-4-1-1 da Giaconia. I padroni di casa hanno sviluppato una mole di gioco, contro una squadra impostata dal tecnico Ricciarello in modo ottimo in ogni reparto, soprattutto marcando il bomber Scillufo in maniera asfissiante in modo da renderlo per tutto il primo tempo inattivo. Al 16° è il Futura Brolo ad effettuare il primo tiro in porta con Papa, che non impensierisce più di tanto il portiere lo Bianco, al 18° si fa vivo l´Atletico su punizione di La Bua la palla arriva a Cilfone Carlo che sbaglia non prendendo l´invitante passaggio del compagno, al 35° è Solazzo che tenta il tiro da lontano mandando il pallone sulla statale. Il primo tempo si conclude con i portieri disoccupati e con l´Arbitro che concede un minuto di recupero. Il secondo tempo inizia con l´Atletico più determinato, infatti al 49° Scillufo finalmente riesce a districarsi dalla continua marcatura, da parte di due – tre avversari, sferrando un bel tiro che viene ribattuto in angolo. Al 53° è il Futura che tira una punizione dal limite con Mignacca sugli sviluppi dell´azione ne nasce un tiro sbilenco di Arasi. Al 67° arriva l´aspettato vantaggio dell´Atletico. Azione personale prolungata di Sciluffo che smarca Barberino a tu per tu con il portiere lo stesso tira e coglie la traversa, sul ribalzo si avventa Cilfone Carlo che segna. Al 70° arrivano le sostituzione di rito entrambe le squadre effettuano alcune sistemazioni in campo. Al 73° è sempre Scillufo ad impensierire il portiere del Futura che si salva in angolo, al 79° prolungata triangolazione da centro campo tra Porcaro e Sciortino quest´ultimo libera Porcaro che con un bel tiro costringe il bravo portiere a salvarsi buttando il pallone in angolo. Al 83° ancora occasione favorevole per il Caltavuturo azione personale di Scillufo e passaggio smarcante per Cilfone che tira ed il portiere respinge in angolo. All´87° l´unico tiro del Futura, punizione dal limite dell´area di Li Puma che impegna il portiere Lo Bianco che di pugno respinge in angolo, l´arbitro concede quattro minuti di recupero ed al 92° su una respinta del portiere Pirelli, presa a centro campo da Sciortino che tira a volo mandando il pallone di poco sulla traversa con il portiere fuori dai pali. Il triplice fischio dell´arbitro sancisce la fine della partita e la meritata vittoria dell´Atletico Caltavuturo che con i tre punti si porta a quota 21, contro il Futura Brolo che ha effettuato un ottima partita ma non effettuando nessuna conclusione in porta avversaria, ottima la direzione della terna arbitrale, poche ammonizioni visto che la partita è stata correttissima da entrambe le compagine.

Totò Sciortino